Se vuoi la possibilità di scegliere quali contenuti vedere sulla tua TV, il tuo vecchio televisore non basta. Sei intenzionato ad acquistare il miglior tv smart in commercio? Perfetto, allora continua a leggere per scoprire la nostra guida all’acquisto completa.

Su uno Smart TV invece hai un mondo di possibilità, grazie alla compatibilità di periferiche e formati che è possibile collegare e riprodurre, e l’aggiunta del collegamento a internet tramite un dispositivo Wi-Fi. Se vuoi scoprire di più su cos’è uno Smart TV e vuoi sapere come funziona e cosa può offrirti, prosegui nella lettura, così da poter scegliere il modello più adatto alle tue esigenze.

 

Smart Tv: cos’è e a cosa serve

televisione smart cosa è

Il termine “Smart TV” indica una categoria di prodotti che offrono diversi servizi e funzioni, fruibili tramite internet, riproducendoli sul proprio televisore.

La connessione a internet permette di utilizzare questi dispositivi come fossero dei veri e propri computer, consentendo la navigazione su pagine web e social, download di software e contenuti multimediali, servizi di streaming e programmi TV cosiddetti on demand, ossia a richiesta, trasmissioni televisive che quindi possono essere guardate ogni volta che lo si desidera.

L’appellativo di smart deriva dallo stesso nome ideato per i telefoni di nuova generazione, adesso smartphone, dispositivi che grazie alla loro intelligenza possono offrire sempre più servizi aggiuntivi, oltre a quelli di semplice telefonia.

La tecnologia smart può essere disponibile direttamente sull’apparecchio televisivo, oppure è possibile trasformare un normale televisore in uno Smart TV, grazie a dei box set-top android, dei dispositivi esterni che funzionano un po’ come dei decoder, capaci d’implementare le funzioni smart sui normali TV; oppure dei mini computer Windows che svolgono la medesima funzione. Ultimamente, sono stati inseriti in commercio anche i televisori compatibili con Alexa, tanto per far capire in che direzione andrà questo settore già tecnologicamente evoluto.

In questo caso però, il televisore deve essere predisposto all’aggiunta di tali dispositivi.

Come scegliere una Televisione Smart

Scegliere il miglior tv smart non è così semplice: ci sono tantissimi parametri da prendere in considerazione come la tipologia dello schermo, le dimensioni del pannello (pollici), il comparto audio, gli ingressi ed il sistema operativo. Non perdiamo altro tempo e approfondiamo ogni singolo aspetto che ti consentirà di trovare il modello perfetto per te.

Tipologia dello schermo

Gli Smart TV restano di base dei televisori e quindi soggetti a diverse tecnologie per quanto riguarda la costruzione dello schermo. I diversi schermi influiscono anche sulla qualità dell’immagine, soprattutto gli schermi di ultima generazione, che sono in grado di mostrare immagini molto dettagliate.

pannello schermo lcd

Pannelli LCD: la superficie di questi pannelli è costituita da due strati, tra i quali sono contenuti i cosiddetti cristalli liquidi. Per trasmettere le immagini a colori, i cristalli liquidi devono essere retroilluminati. La tecnologia LCD è alla base degli schermi, ciò che cambia è il sistema utilizzato per definire la qualità, LED, OLED e il più recente QLED.

esempio panello led

Pannelli a LED: questo è un termine generico che indica che la retroilluminazione del pannello avviene tramite la presenza di LED (Light Emitting Diode), ossia delle minuscole fonti luminose che generano una luce intensa che può variare di colore, disposti in diversi punti, in base al risultato e alla qualità che si vuole ottenere. L’edge LED per esempio, consiste un due linee di LED sui bordi superiore e inferiore dello schermo. Questo sistema, insieme al full edge LED, che prevede una fila di LED anche sui bordi destro e sinistro, è una vecchia tecnologia, il primo tentativo per quanto riguarda la retroilluminazione LED, sostituita successivamente dal Direct-lit, con dei LED sparsi su diverse zone dello schermo e infine, il Full-array, una rete di LED molto più fitta che ricopre l’intera superficie del pannello.

schermi oled esempio

OLED: negli schermi OLED invece non è necessaria alcuna retroilluminazione, poiché il diodo che genera la luce è organico, ossia auto illuminante. La precisione e la qualità dell’immagine negli schermi OLED è nettamente superiore agli schermi LCD, poiché ogni singolo pixel è in grado d’illuminarsi con colori e luminosità diverse e spegnersi completamente in caso di nero assoluto.

tecnologia pannello qled

QLED: il Quantum Dot Light Emitting è l’evoluzione diretta dei LED-LCD ed è il perfetto concorrente della tecnologia OLED. Normalmente, gli schermi LED che utilizzano la retroilluminazione, emettono una luce tendente al blu, ragione per la quale il diodo viene cosparso di polveri di fosforo giallo per generare luce bianca, ma creano generalmente dei problemi quando devono riprodurre colori attraverso i filtri verde, rosso e blu. Il QLED invece elimina lo strato di fosforo e lo sostituisce con i Quantum Dot, delle microparticelle che una volta colpite dalla luce, emettono un colore diverso in base alla dimensione assunta dallo stesso punto. Questa tecnologia è in grado di generare oltre un miliardo di sfumature di colore, per restituire immagini più fedeli.

Dimensioni del pannello (pollici)

Gli schermi degli Smart TV hanno le stesse dimensioni dei classici televisori in 16:9, partendo dai più piccoli 15-17 pollici, fino ai giganteschi 60 pollici e oltre.

La scelta della dimensione dello schermo va fatta in base a diversi parametri, come la dimensione della parete sulla quale va installato e la distanza di cui si dispone del punto in cui lo schermo dista dalla persona che lo guarda.

Questa distanza viene calcolata per il cosiddetto effetto cinema, ossia la copertura del campo visivo che si ha quando ci si trova a guardare lo schermo all’interno di un cinema.

Nel caso in cui si optasse per uno schermo in FullHD, 2K o 4K, è bene sapere che la differenza tra le varie risoluzioni si nota solo negli schermi più grandi, più o meno dal 20-22 pollici in su, e per godere del massimo della risoluzione, la trasmissione o il contenuto guardato, deve essere alla risoluzione più elevata.

Detto ciò, è chiaro che la normale trasmissione TV da antenna verrà vista alla stessa risoluzione e qualità di un qualsiasi televisore.

Audio

Gli Smart TV possono riprodurre audio non solo dalle casse integrate, ormai sempre più performanti e perfino in grado di creare bassi potenti ed effetto surround 2.1, ma anche da periferiche audio esterne, come casse, soundbar e impianti audio surround.

Porte e ingressi

Gli Smart TV offrono diverse porte e ingressi per poter riprodurre contenuti da diverse periferiche, quali HDD esterni, chiavi USB e ricevere il segnale da periferiche HDMI, come lettori Blue-Ray e consolle.

Sistema operativo

Gli Smart TV hanno sistemi operativi diversi in base al loro produttore. Proprio come per gli smartphone, dove Apple equivale a iOS e Samsung ad Android, anche gli Smart TV hanno un loro sistema operativo in base al marchio.

Gli Smart TV Sony, Sharp e Philips usano il sistema operativo Android o proprietario, in base al modello. Panasonic si basa sul Firefox OS, Samsung sullo SmartHub e Tizen OS, ed LG sul WebOS.

 

Fonte: domoticafull.it