Non c’è da stupirsi che questa startup tedesca abbia letteralmente conquistato il nostro Paese, che – dobbiamo ammetterlo – non brilla certamente per l’efficienza e la puntualità della propria rete di trasporti.
Quante volte, infatti, abbiamo visto il nostro (atteso e pregustato) viaggio trasformarsi in un calvario a causa di scioperi, ritardi, cancellazioni selvagge e disservizi vari. Per non parlare dei biglietti sempre troppo cari, soprattutto rispetto all’inadeguatezza dei servizi e alle infrastrutture nettamente al di sotto degli standard qualitativi del resto d’Europa.

logo flixbus

Il nuovo modo di viaggiare si chiama Flixbus

Per fortuna ci ha pensato Flixbus a tendere una mano agli italiani con la sua offerta di viaggi in autobus low-cost.
Merito ancora più grande se pensiamo che in poco tempo la compagnia tedesca è riuscita a cambiare la mentalità stessa del viaggiatore italiano tipico, sradicando la sua naturale diffidenza nei confronti del “viaggio in pullman”.
A questo punto, però, c’è da chiedersi: era l’italiano a essere diffidente o era piuttosto il viaggio in pullman a essere improponibile? Sicuramente la seconda…

Ma come ha fatto una da start-up come tante a diventare in 6 anni un colosso europeo dei trasporti?

Scopriamolo!

Perfetta sintesi di “startup model”

Se volessimo svelare il segreto per mettere in piedi una start-up vincente, ci basterebbe descrivere in grandi linee le caratteristiche di Flixibus: capacità di rinnovare un mercato tradizionale con una soluzione digitale, ambizione a espandersi sui mercati internazionali e coraggio di sfidare i competitor locali.

Fondata a Monaco nel 2011, tre anni dopo copre già tutto il territorio tedesco grazie ad una attenta strategia di accordi e fusioni. Nel 2015 acquisisce la startup Liinita, specializzata nella mobilità condivisa con mezzi privati, introducendo nuove modalità complementari al tradizionale trasporto in autobus.
Nell’estate 2015 approda in Italia, dove parte subito forte, arrivando in un anno a trasportare 2,5 milioni di passeggeri, con tratte che coprono la nostra penisola in lungo e in largo. Oggi è la rete di autobus intercity più estesa d’Europa, con circa 120mila corse al giorno e oltre 30 milioni di passeggeri in 20 nazioni diverse.

Pulman Flixbus

Come funziona Flixbus e perché piace tanto alla gente

Flixbus è un perfetto connubio di tradizione e innovazione: è un’azienda di trasporti ma è anche una start-up tecnologica. Non solo, è anche una gigantesca piattaforma e-commerce in grado di garantire sempre l’offerta migliore ai clienti grazie a una gestione dinamica dei prezzi.

Piace e funziona perché ha un sistema di prenotazioni semplicissimo, un’App innovativa e tracciabilità via GPS. Piace perchè è basata sui più elevati standard di comfort, sicurezza e sostenibilità ambientale. Introduce ogni giorno nuove tratte, dando a chi viaggia la possibilità di scoprire il mondo in maniera semplice, flessibile ed economica.

In Italia, chi l’ha utilizzato è rimasto piacevolmente colpito dalla puntualità, dalla gentilezza del personale, dalla pulizia e dalla comodità dei mezzi. Ogni bus è dotato di wifi gratuita, prese elettriche, aria condizionata e toilette.
Stupore anche per il costo del biglietto1 euro, ad esempio, per andare da Torino a Vicenza, e prezzi a partire da 5 euro per le percorrenze più lunghe.

Insomma, talmente bello che non sembra neanche di stare in Italia!